Al momento stai visualizzando Cuckqueen: Scopriamo il Ruolo della Donna Dominante nel Cuckold

Chi sceglie di (diventare cuckold), e intende sperimentare quello che viene comunemente definito “tradimento consapevole”, si aspetta di essere il padrone della situazione, e di condurre il gioco in tutto e per tutto.

Niente di più sbagliato. Non è il cuckold a prendere le decisioni, tutt’altro, ogni regola e ogni mossa viene stabilita dalla sweet, la donna, che stabilisce le modalità, alle quali anche il bull dovrà adeguarsi senza remore. La donna cuckold non si limita ad accettare il nuovo menage, ma diventa il centro di questo universo parallelo, e dà le proprie, personali indicazioni, sia al partner che al nuovo membro della coppia.

E’ lei che decide se consentire al proprio uomo di assistere semplicemente oppure essere parte attiva del rapporto, ed è sempre lei che con le sue “regole” può tenere saldo il controllo del piacere, sia del bull che del partner. Ma non pensate che il cuckolding sia appannaggio esclusivo dei signori uomini.

Anche le donne possono covare la segreta fantasia di volere (essere tradite del compagno), e anche per loro aprirsi a questa pratica vuol dire esorcizzare la paura più grande, quella dell’inganno, ed essere così capaci di guardare in faccia il proprio demone, traendone però piacere. Ma chi è la donna cuckold?

Chi è la donna cuckold

La paura più grande, all’interno di una coppia, è che l’altra persona possa tradire l’implicito patto di fedeltà reciproca che sta alla base di un rapporto monogamo, e cercare soddisfazione con altri partner, pur mantenendo comunque la relazione.

Quando però una coppia decide di diventare cuckold, allora questo schema viene alterato da una variabile, quella del tradimento consapevole: entrambi scelgono di aggiungere una terza persona alla routine, e traggono da questo estremo piacere. E’ errato, però, pensare che a dare questa “svolta” alla vita di coppia siano solo gli uomini.

Un numero sempre crescente di donne, infatti, sta iniziando a praticare il cuckolding, scegliendo di essere tradita dal proprio uomo, e di giocare non più il ruolo di sweet, ma di trasformarsi in una cuckqueen. La donna cuckold, infatti, prova piacere nel sapere il proprio uomo tra le braccia di un’altra, e acquisisce una ulteriore posizione di potere rispetto al ruolo di sweet, perchè è lei che decide se, quando e con chi il suo uomo la tradirà, arrivando a rivestire un ruolo dominante, che riesce anche a tradursi concretamente in eccitazione sessuale.

La cuckqueen, infatti, assiste quasi sempre all’exploit erotico del partner con l’amante, e ne trae piacere fisicamente masturbandosi a sua volta oppure intervenendo concretamente nel rapporto, con baci e carezze. 

I ruoli che si ribaltano 

Dunque, se è la componente femminile a scegliere di (introdurre il cuckolding nella routine di coppia), anche il ruolo dell’amante cambia. Quando è un’altra donna a diventare il terzo incomodo, essa viene chiamata cuckcake, e nella maggior parte dei casi può essere addirittura un’amica della donna cuckold.

Dunque il senso di potere della donna viene portato all’estremo proprio dal fatto che è lei a decidere se e quando al partner sarà permesso di tradirla, e soprattutto con chi. Questo permetterà alla donna di trarre piacere fisico anche solo immaginando cosa stia accadendo tra il cuckold e la cuckcake, perchè è stata proprio lei a decidere tutto, sottomettendo di fatto al suo volere sia il partner che l’amante.

Provare piacere nell’immedesimazione

Chi pratica il cuckold femminile prova piacere nell’immedesimazione sia del marito che dell’amante. La donna infatti gode del piacere che sta vivendo il suo uomo, e nel contempo si immedesima nell’altra donna, e vive insieme a lei il godimento che il partner le provoca. E’ quindi attraverso l’immedesimazione che la cuckqueen riesce a provare eccitazione, portando il mero piacere fisico ad un livello più alto. Attenzione però, non è facile praticare il cuckold femminile.

Cuckold femminile, attenzione alla gelosia

Come (già ripetuto in precedenza), quando una coppia sceglie di praticare il cuckolding, lo fa basandosi su un accordo chiaro e solido, nel quale entrambe le parti sono pienamente consapevoli. Quando però è la donna a proporre questa pratica, deve sempre fare molta attenzione a non far entrare una ulteriore variabile, capace davvero di distruggere questo delicato meccanismo: la gelosia.

Non è un caso sono quasi sempre gli uomini a scegliere il cuckolding, e non le donne: l’universo femminile da sempre ha un’idea diversa di quello che è l’amore, ed è molto probabile che una donna non si sia in grado di scindere sesso e sentimenti con la stessa facilità con cui riescono gli uomini.

E’ bene quindi essere assolutamente consapevoli dei propri limiti e non intraprendere questa strada se non si è assolutamente certe dei propri sentimenti o di quello a cui si va incontro. Perchè quello della gelosia è uno stato mentale estremamente negativo, e che può privare del piacere anche una situazione verso la quale si è scelto consapevolmente di orientarsi. 

Cuckold e sentimenti

Il timore più grande di (chi sceglie di praticare il cuckolding), infatti, è proprio quello di perdere il partner perchè innamorato dell’altra persona. Quando la sweet e il bull mettono in ballo i sentimenti, allora non c’è più niente da fare. Lo stesso vale quando sono il cuckold e la cuckcake a dare un risvolto romantico al gioco.

I (siti e le community che si occupano di cuckolding) sono ricchi di testimonianze da parte di chi ha visto la propria storia sbriciolarsi proprio perchè sono subentrati i sentimenti e il gioco si è trasformato in qualcosa di più “reale”, e potenzialmente distruttivo. E’ opportuno quindi che ci si documenti accuratamente prima di intraprendere questa pratica, e che l’accordo tra i partner sia solido, così come il rapporto d’amore e complicità tra i due.

Lascia un commento