Donne russe: come sono davvero?

Come sono le ragazze russe? Sentiamo spesso dire che sono diverse dalle italiane, ma questo è abbastanza ovvio. Venendo da un paese molto lontano dal nostro, crescono seguendo delle tradizioni totalmente differenti da quelle tricolori.

Il vero problema, piuttosto, è il seguente: capire se quello che si dice in giro è vero, e in quale misura sono effettivamente diverse dalle italiane e dagli italiani in generale. Siccome sul web circolano diversi falsi miti, è il caso di fare un po’ di chiarezza sul tema.

Incontri: italiane e russe a confronto

Partiamo subito da una premessa: oggi il web ci consente di conoscere tutte le donne che vogliamo, grazie alle piattaforme di dating online. Ci sono poi delle opportunità progettate proprio per chi desidera conoscere una ragazza dell’Est Europa, che rappresentano spesso la risposta a chi si chiede come incontrare donne russe .

Di conseguenza, oggi è davvero semplice riuscire a mettersi in contatto con queste ragazze, ma è meglio studiare un po’ come sono fatte, prima di incontrarle dal vivo. E in questo senso può essere utile fare un confronto diretto con le italiane.

  1. Fare la corte alle ragazze

Partiamo proprio dalle italiane, oramai donne particolarmente emancipate, quindi libere e indipendenti. Le ragazze tricolori amano spesso prendere l’iniziativa, per affermare la loro libertà e le proprie capacità decisionali.

È ovviamente un bene per i ragazzi, anche se alle volte queste donne dimostrano un’aggressività tale che potrebbe spaventare o spiazzare i più timidi e introversi. I pro e i contro? Se trovi una ragazza del genere (ed è facile), hai la minestra servita nel piatto. Ma se ti piace prendere le cose con calma, allora difficilmente lei avrà pazienza.

A parti invertite, cosa succede quando un italiano corteggia un’italiana? La ragazza si aspetta determinate cose, non sempre semplici da capire. Il corteggiamento tradizionale non funziona più, nella maggior parte dei casi, e si rischiano anche brutte figure. I fiori al primo appuntamento? Roba sorpassata. L’apertura della portiera dell’auto? Un vezzo inutile. La cena pagata dall’uomo? Quasi un insulto!

Con le ragazze russe la situazione è molto, molto diversa. Loro non fanno mai il primo passo, anzi: all’inizio sono molto fredde, perché non danno confidenza agli uomini che conoscono poco. Le russe amano essere corteggiate, e sono all’antica, dunque con loro il romanticismo paga quasi sempre.

Quindi via libera ai passaggi in auto, alle portiere aperte, ai fiori in regalo, alle cene pagate e a qualsiasi altro gesto di galanteria nei confronti del gentil sesso. Occhio, perché questo non significa che siano “schiave” dell’uomo: al contrario, sono donne forti, indipendenti e con tantissima autostima.

Però amano quando un uomo le fa sentire speciali con questi gesti: una cosa che con le italiane si sta perdendo quasi del tutto, oramai.

  1. Questione di look

Come presentarsi ad un primo appuntamento con una russa? Curando il tuo look, proprio come faresti in qualsiasi altra circostanza. Le donne dell’Est sono molto attente allo stile nel vestire, ma non chiedono per questo l’eleganza assoluta.

Diciamo che le italiane sono un po’ più pretenziose da questo punto di vista: un fattore che va a vantaggio di chi è abituato a vestire in un certo modo, ma che sfavorisce gli altri. Se a te piace confrontarti e uscire con una donna vestita bene, allora bisogna fare un distinguo:

  • Italiane: sono molto eleganti durante gli incontri romantici, ma più “castigate”, nel senso che preferiscono lasciare molto all’immaginazione.
  • Russe: sono eleganti ma anche particolarmente sensuali. Hanno un modo di vestire più succinto, ma non per questo volgare.

Inutile specificare che sia le italiane che le russe tengono tantissimo non solo al look del ragazzo con cui escono, ma anche alla sua igiene. Il senso della moda, però, dovrai averlo anche con le russe, sebbene siano più permissive rispetto alle italiane. Ma questo non vuol dire che potrai presentarti in abbigliamento sportivo.

  1. Conversazione

Una volta rotto il ghiaccio del primo incontro viso a viso, come sono le ragazze russe quando vi sedete al tavolo? Da un lato è fondamentale l’impatto estetico, per entrambi, ma dall’altro si deve creare una certa intesa anche a livello di conversazione.

Qui è importante che tu sappia una cosa: le donne russe tengono molto alla propria famiglia, quindi toccando questo argomento con tutta probabilità farai bingo. Altri temi che adorano sono la cultura e l’arte, perché spesso dipingono, fanno danza o praticano comunque delle attività creative.

Le russe preferiscono gli uomini ironici e che le fanno ridere, un po’ come le italiane. Se sei solito prenderti molto sul serio, con loro non andrai lontano, perché le annoierai a morte.

Se invece sai prenderti un po’ in giro, sei spigliato e hai la battuta pronta, finiranno per pendere dalle tue labbra. Fai comunque attenzione alle battute, perché le ragazze russe non amano quasi per nulla le volgarità. Le italiane sono più aperte da questo punto di vista, ma con una russa basta una battuta volgare o infelice per fare terra bruciata.

Matrimonio: italiane e russe a confronto

Ragazze russe: come sono da mogli? Sono meno indipendenti, e tendono a vedere nel marito il capo famiglia, quindi lasciano prendere a lui le decisioni più importanti. O chiedono comunque il suo parere. Può essere un vantaggio così come uno svantaggio, ma questo dipende sempre dall’indole della ragazza, perché le russe non sono tutte uguali.

Ricorda però che le donne dell’Est sono calme e rispettose per definizione, quindi tendono a non imporsi all’interno di un matrimonio, e a non fare scenate.

Le donne italiane sono all’esatto opposto, e anche qui ci sono sia pro che contro. Essendo molto indipendenti, prendono le decisioni da sole e senza per questo scomodare chi hanno accanto, chiedendo pareri continui. Ma sono facilmente irascibili e tendono al litigio, proprio per via del forte senso di indipendenza che hanno.

Non devi comunque vederlo come un difetto: anche le liti sono importanti, perché chiariscono certe dinamiche nella coppia e perché aiutano a fare chiarezza.

E la carriera? È un pallino fisso delle italiane, ma non delle russe. Le seconde sono molto più propense ad accettare dei sacrifici per il benessere dei figli e della famiglia, che vanno sempre messi di fronte a tutto. Le mogli italiane, invece, quasi mai rinunciano alla propria carriera, ma cercano comunque di trovare un compromesso intelligente per “salvare capra e cavoli”.

Conclusioni: meglio le russe o le italiane?

Avrai già capito che non esiste una risposta standard a questa domanda, e che tutto dipende sia dalle tue preferenze, sia dal carattere della donna che sposerai.

Perché ci sono italiane più tradizionaliste di altre, e russe più emancipate rispetto alle medie, quindi le due posizioni potrebbero anche ribaltarsi. Ricorda sempre che ogni donna è unica, e che non si può fare di tutta l’erba un fascio, perché è ingiusto oltre che sbagliato. Vedendola sul lungo periodo, però, i matrimoni con italiane e russe sono effettivamente differenti.

Le italiane, come detto, difficilmente abbandonano la carriera, e questo potrebbe comportare delle decisioni e delle scelte di vita diverse per tutta la famiglia.

Ad esempio il trasferimento in un’altra città, per questioni lavorative, oppure la necessità di rendere i ragazzi sin da subito indipendenti, perché entrambi i genitori hanno una professione da curare. Ripetiamo che qualsiasi coppia italiana affronta questi problemi, cavandosela spesso alla grande, quindi non è un vero e proprio limite.

Con le russe, però, la famiglia assume una sembianza più “tradizionale”. Della serie: è l’uomo che spesso porta il pane a casa, mentre la donna svolge tutte le faccende e cura in ogni istante i bimbi.

Premesso che si tratta a tutti gli effetti di un lavoro a tempo pieno, la presenza costante della mamma in casa ha un riverbero positivo sull’educazione dei bimbi e sulla loro crescita. Da un punto di vista sociologico, infatti, le donne russe di oggi sono molto più simili alle nostre nonne, piuttosto che alle giovani italiane.

Questo fattore conta anche per gli uomini “mammoni”, che difficilmente farebbero tutto da soli, come le faccende e la pulizia dei panni. Un ragazzo che ha delle difficoltà a rendersi indipendente potrebbe non andare d’accordo con una moglie italiana, generalmente poco disponibile nel fare da mamma al proprio marito.

Al contrario, alle russe piace prendersi cura delle esigenze del proprio coniuge, non perché si sentano obbligate, ma perché sono legate al concetto di famiglia tradizionale, molto vivo in Russia.

Lascia un commento

Chiudi il menu