Bondage: Cosa significa e come Praticarlo
donna legata

Complice l’incredibile successo riscosso dalla trilogia di “Cinquanta Sfumature”, sono sempre di più le donne e gli uomini interessati al bondage, una pratica erotica fondata su un divertente gioco di ruoli (padrone e schiavo), oltre che su una serie di tecniche basate sulla costrizione fisica di uno dei due partner. Per quanto possa essere avvicinato ad una perversione, questo non è altro che una modalità per entrare in totale intimità e complicità con il proprio compagno o compagna.

Non è un caso, infatti, che siano sempre più anche nelle chat BDSM   Bondage, Dominazione, Sadismo e Masochismo -, dove è possibile conoscere persone interessate all’eccitante gioco di ruoli di “dominatore” e “sottomesso”. Vediamo più da vicino in cosa consiste il bondage e come si pratica.

Significato

Letteralmente, il termine bondage significa “schiavitù”, il che spiega perfettamente il concetto di una pratica erotica fondata su un eccitante gioco di ruoli tra partner, che vede uno dei due completamente dipendente dalle fantasie dell’altro, perchè limitato nei movimenti fisici o nelle percezioni sensoriali. Il bondage, infatti, è altrimenti conosciuto come “arte del legarsi”. A seconda dei desideri della coppia, è possibile praticare questo gioco in diverse modalità:

  • light bondage, che comporta soltanto la legatura delle mani o dei piedi, utilizzando accessori semplici come foulard, cravatte o manette leggere
  • mummification, ossia una forma di annodamento completa, che impedisce al partner di fare qualunque movimento
  • suspension, che indica una pratica in cui il partner sottomesso non soltanto viene legato, ma anche appeso.

Insomma, può trattarsi di una pratica sessuale da provare in intimità col proprio partner oppure di una vera e propria abitudine che invade i vostri rapporti, portandovi così ad indagare costantemente i limiti della vostra sessualità.

Bondage, le tecniche principali

Come già detto, questa particolare pratica erotica consiste nell’immobilizzare il sottomesso con corde, lacci, catene ed altro ancora, oppure nel limitarne la percezione sensoriale utilizzando una benda per gli occhi, un bavaglio per la bocca o un cappuccio. Essendo afferente alle pratiche sadomaso degli incontri BDSM, anche il bondage comprende una serie di tecniche che possono essere attuate con il partner, seppur con molta attenzione. Eccone alcune:

  • legare parti del corpo del sottomesso a oggetti esterni, muri o sostegni di ogni genere
  • separare o divaricare – anche forzatamente – alcune parti del corpo del partner
  • appendere il corpo del sottomesso a ganci o a soffitti
  • immobilizzare completamente il partner, fino quasi ad arrivare alla deprivazione sensoriale.

Un discorso a parte merita la cosiddetta “asfissia erotica”, o “breath control”, che consiste in un insieme di pratiche sessuali che hanno lo scopo di limitare (o addirittura impedire) l’afflusso di ossigeno al cervello nel sottomesso, così da innescare una sensazione di euforia o di intensificare il piacere derivante dall’orgasmo. Si tratta senza dubbio di una pratica estrema, afferente più alla sfera del sadomaso, che richiede però l’utilizzo di strumenti comuni al bondage.

Bondage, alcuni consigli utili per chi è alle prime armi

Per quanto soft, il bondage è comunque un gioco erotico che può risultare pericoloso, se non praticato nel modo corretto. Ecco allora qualche consiglio utile per chi si approccia per le prime volte a questa pratica erotica:

  • Non bloccate mai completamente la bocca del partner, in modo tale che possa comunque avvertirvi nel caso in cui stia provando troppo dolore o fastidio
  • Cercate di usare sempre corde in materiali morbidi, quali cotone o nylon, evitando il più possibile la plastica, per evitare di lasciare segni troppo evidenti sul corpo del sottomesso
  • Una volta fatto un nodo, cercate di non stringere troppo le corde attorno ai polsi del partner, così da evitare un blocco della circolazione sanguigna
  • Evitate di lasciare il vostro compagno legato in solitudine, perché potrebbe aver bisogno di muoversi ed essere impossibilitato a farlo
  • Cercate di avere sempre a portata di mano un paio di forbici o qualcosa che possa aiutarvi a tagliare rapidamente le corde nel momento del bisogno.

Al di là di questi accorgimenti semplici, potrete praticare il bondage come meglio credete, cercando di incontrare persone che siano interessate come voi a lanciarsi in questa avventura eccitante.

Lascia un commento

Chiudi il menu